La si poteva chiamare arroganza.
Non ho avuto la forza ne la logica.
Per amore, ero troppo razionale…. per idealismo, troppo realista…. e troppo vuoto, per parlare di sogni.
La mia anima era inaridita… ero pieno di verita intollerabili….. così come lettere insulse sun un prezioso taquino.
Quindi io… per questo motivo ho fallito?
Te lo domandai il giorno dopo….. ma tu sorridesti in modo rancoroso.
Quel giorno volevo proteggere il nostro tesoro…… invece conobbi la legge della morte.
Tali parole… che difficilmente in vità mia ascolterò ancora…. furono terribilmente tristi.