E io che credo…
E io che speravo….
E io che desideravo….
Mi sono svegliato su una barchetta in u mare in tempesta….. ora che vedo con i miei occhi dove mi trovo…
Ho paura…. ma non paura di qualcosa di ignoto… ma paura di essere consapevole che ormai è tardi…
la consapevolezza di aver capito il perchè del mio soffrire….
la consapevolezza che ciò in cui credevo, che ciò in cui speravo e desideravo altro non è che un maledettissimo e fottutissimo sogno… che a poco a poco si è trasformato in un incubo… dal quale non c’è più risveglio, perchè quest’incubo è la nostra realta in cui noi viviamo tutti i giorni….
Ma forse se continuassi a lottare, a combattere giorno dopo giorno… a cercare di capire e capire me stesso…. forse non sarebbe tutto perduto? oppure la mia è solo una giustificazione per non vanificare tutto il tempo passato? Posso arrendermi o posso continuare a lottare……. che fare…. forse se depondo le armi e diventassi schiavo di questa vita.. forse vivrei meglio…. però se contunuassi a lottare… un giorno potrei pure vincere, vedendo così ripagati tutti le mie maledette ferite….
Si sono ad un bivio… ma a questo bivio stranamente c’è solo una strada………. forse è perchè in cuor mio so già cosa fare……. forse perchè io sono fatto così…… ma si dai, la vità è una sola, bisogna andare avanti e non guardarsi mai indietro. Quando la raccontero ai miei figli (se mani ne avrò) saranno loro i giudici della mia vità………  e quando sarò in letto di morte, potrò gloriarmi della mia esistenza, che per quanto effimera sia…. è e sarà sempre vissuta al massimo delle sue potenzialità, si continuerò a resistere, continuerò a combattere…. anche perchè forse… l’unica cosa che so fare bene è proprio non arrendermi mai  ^__^